venerdì 30 ottobre 2009

La prossima.....cioccolato e pere mini e classica

TORTA AUTUNNALE PERE E CIOCCOLATA

Per l'impasto:
300g di farina 00
150g di zucchero
1 pizzico di sale
1 uovo
150g di burro o margarina a temperatura ambiente
1/2 bustina di lievito

Mescolare la farina con lo zucchero, il sale, l'uovo, il burro a pezzetti e per ultimo il lievito.
Impastare rapidamente il tutto fino a otenere un impasto liscio e lasciare riposare in frigorifero per 30 minuti.

Preparare la crema al cioccolato:
2 tuorli
50g di zucchero
60g di cioccolato amaro in polvere
225 ml di latte
1 cucchiaio di farina
scorza grattugiata di un limone (facoltativa)

Montare le uova con lo zucchero.
Scaldare il composto a fuoco bassissimo e continuando a mescolare unire 25ml di latte, il cucchiaio di farina e la scorza di limone.

A parte scaldare il latte rimasto e sciogliervi il cioccolato in polvere.
Unire i due composti e sempre mescolando farli addensare (non troppo!) a fuoco lento.
La crema al cioccolato è pronta!

Stendere i tre quarti della pasta sul fondo e sule pareti di uno stampo (diametro 24/26 cm) coperto con carta da forno (oppure imburato e infarinato), formando un bordo alto circa 4cm e cospargere il fondo della torta con 2 cucchiai di pane grattugiato (e per chi vuole con amaretti sbriciolati!!).

Sbucciare e tagliare a spicchi una pera abate matura e distribuirla sul fondo della torta.
Versare la crema al cioccolato, livellare bene e ripiegarvi sopra i bordi della torta.
Con la pasta rimasta decorare a piacere la superficie della torta.

Per dorare la superficie durante la cottura spennellare con un uovo sbattuto. Cuocere per 40-45 minuti nella parte inferiore del forno preriscaldato (elettrico 180°-200°C, ventilato 170°-190°C).

Con lo stesso procedimento si possono realizzare delle mini-tortine.

La fojeda e le tagliatelle!

La fojeda (o sfoglia per fare la pasta fresca) è assolutamente indispensabile nella cucina parmigiana, con la pasta fresca si fanno le lasagne, i cannelloni, i cappelletti, i tortelli e anche le tagliatelle!

Eccovi la ricetta super classica: 1 uovo ogni 100 gr.
Sabato abbiamo fatto una bella teglia di tagliatelle al forno con radicchio rosso e provola piccante.


Per le tagliatelle (e per qualsiasi altro tipo di pasta fresca)
350 gr di farina OO
150 gr di farina di semola di grano duro
5 uova
poco sale

Per il condimento
500 gr di radicchio rosso
100 gr di provola (o scamorza)
400 ml di besciamella
Parmigiano-Reggiano










Per prima cosa abbiamo preparato la sfoglia mettendo tutti gli ingredienti nel robot, l'impasto deve risultare liscio e compatto, dopodiché si divide in parti e lo si passa nell'Imperia più volte fino a renderla sottile e liscia.
Si stendono le sfoglie su un piano infarinato per farle 'seccare' un po' (noi che abbiamo una casa piccola piccola le abbiamo appese alla ringhiera....) e poi si passano nel rullo tagliapasta per le tagliatelle dell'Imperia.

Il condimento è semplice. Si fa saltare in padella con olio caldo il radicchio insieme ad uno spicchio d'aglio, sale e pepe. A parte si taglia la provola a dadini e si prepara una classica besciamella con burro, latte e farina.
Si accende il forno a 180°C e si fanno cuocere in acqua salata le tagliatelle per 1/2 minuti, dovranno comunque rimanere molto al dente!
Amalgamiamo in una ciotola le tagliatelle, il radicchio, la provola e la besciamella, versiamo tutto in una teglia da forno con abbondante parmigiano e qualche ciuffetto di burro.
Dovranno cuocere in forno caldo per 15/20 minuti.

lunedì 26 ottobre 2009

Brunch egiziani


Foto culinarie da un viaggio di lavoro al Cairo. Meraviglioso il thé nero alla menta fresca, assolutamente da rifare a casa! Le salsine non sono sicuramente pari a quelle meravigliose mangiate in Siria.... ;-)





giovedì 15 ottobre 2009

La frolla di Alice. Le tortine con le mele selvatiche di Bedonia


La pasta frolla burrosissima di Alice!

400 gr. zucchero al velo
160 gr. tuorli
600 gr. burro
1 kg di farina
1/2 bacca di vaniglia
buccia grattugiata di limone

riporla in frigo schiacciata a mo' di focaccia alta un paio di cm. per almeno un'oretta. Si può conservare porzionata in frizer! :-)

Tortine di pasta frolla con noci, meline selvatiche (che mi ha portato Emanuele da Bedonia!) tagliate a pezzetti e una spolverata di zucchero di canna.
In forno a 180° per 15/20 minuti.

Volendo si possono aggiungere altri tipi di frutta di stagione: pere, susine, uva, etc.





Una cosa che devo provare....La Crema da forno
(rispetto alla crema pasticcera classica dovra' essere piu' zuccherina e piu' grassa per non 'stracciarsi' durante la cottura)

320 gr. latte
160 gr. panna
240 gr. zucchero semolato
145 gr. di tuorlo
30 gr. di fecola

Mettere i tuorli in una ciotola con lo zucchero e montare il composto. Aggiungere i semini di una mezza bacca di vaniglia ed la buccia grattugiato di un limone intero (di solito ne basta meno, ma qui si vuole accentuarne l'aroma). Quando l'uovo sara' bianco e gonfio aggiungere la fecola, che si usera' solo per questo tipo di crema pasticcera .
Portare a bollore latte e panna, aggiungere quindi le uova montate ed attendere, senza girare, che riprenda il bollore lungo il bordo. A questo punto mescolare con la frusta. Pochi minuti e la crema è pronta!

venerdì 9 ottobre 2009

PICCANTELLI IN CONSERVA



Ecco le conserve fatte con i peperoncini super piccanti portati dalla Sardegna!
Per pulirli e svuotarli abbiamo rischiato il soffocamento... con guanti e mascherina l'operazione è stata...chirurgica!

Ingredienti:

500g di peperoncini tondi piccanti
4 alici
2 cucchiai di capperi
200g di tonno sgocciolato

Cottura dei peperoncini:

versare in una pentola abbastanza capiente 250ml di aceto di vino bianco, 250ml di vino bianco, 2 foglie di alloro, 3 chiodi di garofano, 3 bacche di ginepro, mezzo cucchiaio di origano, 6 grani di pepe e sale. Portare a bollore e tuffarvi i peperoncini precedentemente svuotati (con fatica), lasciare bollire per 3/4 minuti.
Scolare i peperoncini mettendoli capovolti su un canovaccio per una notte intera.

Preparare il ripieno tritando (non troppo!) nel mixer le alici, i capperi e il tonno.

Riempire i peperoncini con il composto di tonno e metterli nei vasi (sterilizzati e ben asciutti) con aglio tritato, pepe in grani e basilico. Chiudere bene i vasi con il coperchio.

Mettere i barattoli in una pentola capiente, coprire con acqua e portare a bollore per 10/15 minuti. Lasciare raffreddare nella pentola coperta.
Prima di riporli controllare che i vasetti abbiano fatto il vuoto premendo al centro del coperchio (non deve fare 'click'!).

Vanno consumati non prima di un mese dalla preparazione.

venerdì 2 ottobre 2009

Le buonissime brioche siciliane!

Con questa ricetta presa da http://iodagrande.blogspot.com/ le brioche vengono davvero molto molto simili alle originali siciliane!


***

Brioche siciliane


-500 gr di farina 0 o fifty-fifty di 0 e manitoba
- 8 gr di lievito di birra,
-300 ml di latte tiepido,
-60 gr di zucchero semolato,
-un cucchiaino da te di sale,
-70 gr di burro morbido (non fuso),
-2 tuorli + uno diluito con latte per la doratura


Mescolare la farina con il sale e lo zucchero, mettere il lievito sciolto nel latte tiepido e impastare sul piano di lavoro, allargare la pasta e aggiungere i due tuorli, amalgamare e una volta amalgamati mettere il burro.
Otterrete una pasta appicciaticcia che si attacca al piano di lavoro e sembra un chewing-gum troppo masticato.
Non preoccupatevi, sbattetela sul piano, tiratela, incollatela e staccatela dal piano fino a quando il burro non sia ben incorporato fregandovene se non ha la forma di palla o non si stacca dalle mani. niente farina aggiunta, comunque.

prendete questo magma molliccio e mettetelo coperto a lievitare, fino al raddoppio.

ciascuno di voi faccia come crede, nel senso che potete usare la copertina, la lievitazione lunga, corta, in frigo, tanto l'abbiamo capito viene bene lo stesso. comunque voi lasciate lievitare la vostra pasta.

Avrete un blog raddoppiato e ben alveolato da sgonfiare e riimpastare con i pezzi di zucchero di canna grezzo o con la granella o con l'uvetta o con quello che vi pare.
Fate le forme e mettetele su una placca da forno a lievitare (e stavolta io li ho messi nel forno spento) non ho aspettato troppo, diciamo che gli ho permesso di assestarsi e abituarsi alla loro nuova forma li ho spennellati con tuorlo e latte e poi ho riempito di acqua la leccarda sottostante e acceso da freddo (come faccio per il pane) modalità ventilata a 160° (ma solo perchè se imposto

i 160° come minimo in ventilato me ne partono 180°).

***

mercoledì 30 settembre 2009

Muffins!!



Non posso non dedicare questa ricettina a Raquel, compagna di viaggio e studio in Germania...lei si che ne è appassionata!

MUFFINS AI MIRTILLI (SELVATICI)

Ingredienti secchi:

140 g di zucchero
250 g di farina
1 cucchiaino di lievito in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato

Ingredienti liquidi:

85 g di burro sciolto
2 uova intere
200 ml di latte

150 g di mirtilli


Prima cosa: accendere il forno a 200°.

Mescolare separatamente gli ingredienti secchi da quelli liquidi.
Unire le due parti in un'unica ciotola e mescolare (non troppo però perché altrimenti i muffins si induriscono durante la cottura!).
A questo punto unire alla fine i mirtilli.

Imburrare una teglia da muffins e versarvi l'impasto riempiendo le vaschette fino all'orlo.
In alternativa alla teglia si possono usare dei pirottini di carta, bisogna fare attenzione però che l'impasto non fuoriesca dal pirottino durante le prime fasi di cottura.


Si inforna il tutto per 15/18 minuti. I muffins non devono cuocere troppo a lungo, sono pronti quando la superficie diventa dorata.

lunedì 21 settembre 2009

una pizza che si fa da sé

Iniziamo da qualcosa di semplice, tradizionale...la PIZZA.
Dopo svariati tentativi falliti e maledizioni al forno che non manteneva i fatidici 250° C, finalmente ho trovato una ricettina semplice semplice che mi ha dato grande soddisfazione! :-)

ed eccola qui! Le dosi sono per 1 placca da forno e il risultato è una pizza croccante alta circa 1 cm!

Ingredienti

500 g di farina '0' oppure manitoba
260 g di acqua tiepida (30° circa)
1/2 cubetto di lievito di birra (quindi 12,5 g)
10 g di sale fino
10 g di zucchero semolato
20/30 g di olio evo

Sciogliere il lievito e lo zucchero nell'acqua tiepida.
Versare a fontana la farina in una ciotola e spargere il sale alla base.
Dopo aver formato un incavo nella farina, versarvi il composto di acqua, lievito e zucchero e lasciar riposare 5 minuti circa.

Aggiungere l'olio e impastare per una decina di minuti, la consistenza della pasta dovrà essere elastica e liscia.

A questo punto il più è fatto! Si abbandona l'impasto nella ciotola coperta per farlo lievitare. Non calcolo mai un tempo preciso...nel frattempo che lui cresce io faccio altre mille cose!

Una volta raddoppiato il volume, si stende l'impasto sulla placca oleata, tirandolo ai bordi piano piano e la si lascia lievitare stesa ancora qualche minuto.

Nel frattempo si può tagliare a cubetti la mozzarella, preparare la passata di pomodoro condita con olio, sale e origano, scegliere gli ingredienti con cui condire la pizza!

Scaldare il forno a 225°C.
Prima di infornare stendere la salsa di pomodoro e condire con un filo d'olio.
La mozzarella e gli altri ingredienti vanno aggiunti dopo 10/15 minuti circa quando la passata di pomodoro si è asciugata un pò (ad eccezione della cipolla che io aggiungo insieme al pomodoro perche deve cuocere un pò di più!).

Quando la mozzarella comincia a 'sbollentare' e a inscurirsi e la crosticina diventa dorata, la pizza è pronta!

L'ultima volta che l'ho fatta ho utilizzato la macchina del pane ed è venuta benissimo! Il procedimento è lo stesso, solo che invece di impastare a mano pensa a tutto il programma 'Impasto pizza', anche a farla lievitare al caldo!

Si parte! Sbircio da tempo i blog di cucina...trascrivendo e provando ricette su ricette sottoposte alla mia piccola cavia..Raffaele e agli amici che vengono a trovarci! E' ora di creare un blog tutto mio! Chissà che non mi aiuti a mettere un po di ordine tra i mille fogliettini volanti pieni di ricette e consigli che lascio in giro per casa...e poi chi la ritrova più la ricetta di quella torta alle pere e cioccolato....